Esplorazione.net
Esplorazione.net
 

Precedente Avventura Avventura n° 015 Prossima Avventura

Rifugio Gattascosa, lago e Passo del Monscera in Val Bognanco

Traccia GPS da San Bernardo al rifugio Gattascosa - Passo del Monscera - Mappa Mappa

Bognanco si trova in Piemonte, a ovest del lago Maggiore chiamato anche Verbano, e la si raggiunge percorrendo l'autostrada per Gravellona Toce, una derivazione della Milano Laghi che si ricongiunge con la Milano/Torino in direzione Alessandria.

Le indicazioni riportano Arona come primo casello da oltrepassare e la strada costeggia per un certo tratto il lago, visibile negli scorci liberi da gallerie. All'uscita di Domodossola occorre seguire attentamente i cartelli "Bognanco" fino ad imboccare l'unica strada che risale la valle.

Una volta raggiunta la cittadina termale, si lascia il paese sulla sinistra e si continua a salire seguendo inizialmente le indicazioni per "San Lorenzo" e poi per "San Bernardo".

Il punto di partenza è proprio il parcheggio accanto al minuscolo Ristorante Alpino a quota 1620, situato alle spalle della deliziosa chiesetta di San Bernardo, dove l'omonimo cane è raffigurato proprio al centro dell'altare.

Di fronte all'Alpino è situato un cartellone topografico con la mappa dei dintorni. Alla sua destra parte una stradina ombrosa che s'inoltra nel bosco di larici e riporta le segnalazioni per il lago di Ragozza e per il Gattascosa.

Di solito, c'è anche un cartello che ci rassicura sull'apertura del Rifugio in modo da avere la certezza di poter pranzare a quota 1993 metri.

Percorse poche centinaia di metri (circa dieci minuti) si incontrano i tipici cartelli segnalatori che ci spingono a lasciare la strada sterrata per inerpicarci sul ripido sentiero che sale verso destra. Da questo momento seguiremo esclusivamente le mappature bianche e rosse che ci condurranno a destinazione.

Il percorso è comodo e non presenta nessun tipo di pericolo. Si snoda tra le radici rugose dei larici e le pietre chiare che affiorano dai cespugli di rododendri e mirtilli.

Per qualche tratto costeggia il torrente dall'acqua frizzante e dalla colorazione rossastra data dalla presenza di minerali ferrosi, ma ben presto la ripida salita sfocia in un pianoro verdeggiante, solcato dai mille rivoli che un tempo ne facevano un lago.

Il terreno è molle e pregno di acqua, tanto che sembra di camminare su delle zolle galleggianti. In questa ampia distesa d'erba ci sono pochi alberi e, se non fosse per l'ambientazione montana, si potrebbe credere di attraversare la savana africana.

In fondo, dalla parte opposta da cui siamo arrivati, il terreno riprende a salire con decisione, richiamando la nostra attenzione su un paio di tracce ben delineate che continuano per qualche tratto appaiate.

E' l'ultimo strappo, forse la parte più dura della salita, ma il frusciare del torrente sulla sinistra ci lascia ben sperare su ciò che troveremo oltre il dosso e come d'incanto ci appare la distesa scintillante del lago di Ragozza.

Possiamo percorrere le sue sponde da sinistra, in modo da aggirarlo nella sua parte più bella e immetterci di nuovo sul sentiero che pareva scomparso tra l'erba alta per colmare gli ultimi metri che ci separano dal Rifugio Gattascosa, raggiungibile in meno di dieci minuti.

Il rifugio è un buon posto dove effettuare una sosta per il pranzo, come già spiegato nell'Avventura n° 012, oppure raggiungere la Bocchetta omonima e il lago Tschawinersee come indicato nell'Avventura n° 042.

Tra le cataste di legna si intravede la nostra prossima meta, appena ammantata di nuvole sfilacciate che giocano con l'azzurro del cielo. Intraprendiamo di nuovo il cammino seguendo la strada "gippabile" da cui arrivano i rifornimenti del Gattascosa e teniamo d'occhio l'avvallamento che si apre sulla nostra sinistra, in cui è bel visibile il traliccio che sostiene la linea dell'alta tensione che porta energia elettrica dalla Svizzera.

Un cartello indicatore ci toglie ogni dubbio, invitandoci a salire su un sentiero laterale che porta direttamente al Passo del Monscera. Superato il pendio, il lago del Monscera ci appare all'improvviso, incastonato tra le rocce. Lo superiamo tenendoci ancora sulla sinistra, accanto alla riva, ed in pochi muniti raggiungiamo il cippo che indica il confine svizzero... gli occhi si riempiono di immenso.

Per la discesa optiamo per una strada alternativa, costeggiamo il lago nel suo lato opposto, tenendoci in alto, e percorriamo un sentiero che gradualmente si allarga, ricongiungendosi con la "gippabile" che ci condurrà di nuovo a San Bernardo in circa un'ora e mezza. E' altresì possibile un'ulteriore deviazione per scoprire le meraviglie dei due Laghi d'Agro: Traccia GPS

Il percorso è abbastanza comodo, la parte soleggiata iniziale diventa ben presto in ombra e ci permetterà di chiudere l'escursione ad anello. Da segnalare, circa a metastrada, una sosta accanto ad una pozza rinfrescante in cui è buona abitudine mettere a mollo i piedi affaticati.

Questa Escursione non presenta difficoltà oggettive, ma per la sua durata è consigliabile a chi pensa di poter camminare per almeno tre ore.

La parte più faticosa risulta ancora una volta il tratto finale che si snoda in una ripida discesa.

L'acqua è disponibile durante l'intero percorso. Talvolta però è molto ferrugginosa per cui consigliamo di farne scorta presso il rifugio Gattascosa.

Abel Wakaam

 

Inserisci il nome di un luogo da cercare - Elenco Rifugi - Elenco Laghi
Tutte le parole Almeno una parola Una frase