Esplorazione.net
Esplorazione.net
 

Precedente Avventura Avventura n° 005 Prossima Avventura

Val Grande, dall'Alpe Ompio a Corte Buè

Traccia GPS dall'Alpe Ompio a Corte Buè - Mappa Mappa

Per arrivare a Ompio consigliabile percorrere l'autostrada per Gravellona Toce e prendere l'uscita per Verbania. Proseguire quindi verso il lago, superando la prima indicazione per Mergozzo e la grande rotonda sulla strada provinciale. Qualche decina di metri pi avanti, sulla sinistra, visibile la seconda indicazione per Mergozzo e immediatamente dopo, quasi con lo stesso imbocco, la strada che da Fondotoce porta a San Bernardino.

Occorre seguire le indicazioni per Santino e Rovegro, facendo attenzione ad una biforcazione che gira sulla sinistra, dove possibile incontrare il primo cartello che indica Cicogna e percorrerla fino al primo bivio che riporta le indicazioni per l'Alpe Ompio. La strada sempre asfaltata e in ottime condizioni fino all'Alpe Ruspesso (937 m) dove si può lasciare l'auto in un piccolo parcheggio accanto al primo dei cartelli indicatori.

Una stradina sterrata nel bosco porta in 10 minuti all’accogliente rifugio Fantoli (1000 m) del CAI di Pallanza dove è possibile rifocillarsi e prenotare il pranzo per il ritorno.

Per raggiungere corte Buè, si imbocca il sentierino nel prato a sinistra del rifugio e, attraversato il ruscello, si raggiunge a destra ripidamente le baite superiori dell’Alpe Ompio (1060 m).

Superate le baite si entra in un bosco di faggi e betulle fino ad una selletta con una grande croce di legno (1090 m) sulla destra. Qui si lascia a siinistra il ripido sentiero che sale verso il Monte Faiè e si prosegue invece diritto seguendo le indicazioni per Buè. Il sentiero si mostra subito in tutta la sua selvaggia bellezza.

Il verde splendente della felci contrasta col bianco dei tronchi delle betulle che si stagliano sul pendio irto che volge a fondovalle, ed ogni angolo di bosco si tinge di un atmosfeta magica e particolare che appaga lo sguardo ovunque si volge.

Sulla destra sono visibili i prati dell'Alpe Basseno e dell'Alpe Scellina in un susseguirsi di scorci che mostrano la parte bassa della Valgrande, dove scorre il Rio omonimo.

La camminata non è mai impegnativa ed i riferimenti sono chiari e ben definiti. E' impossibile sbagliare perchè, di fatto, è l'unica strada percorribile che segue armonicamente il pendio in un saliscendi che si adatta alle pieghe della montagna.

Ben presto, su un costone soleggiato che ci appare all'improvviso, compare corte Buè con le sue baite in pietra grezza. Sembra un villaggio fantasma che il tempo ha volutamente dimenticato affinchè arrivasse integro sino a noi col suo sapore d'antico. Sembra lì a portata di mano, ma la valle si allunga ed il sentiero s'inoltra nelle sue anse infinite, portandoci nel verde sempre più selvaggio.

Non ho mai visto tante felci su un pendio come in questa escursione. Si susseguono in campi sterminati da cui s'innalzano alternativamente i tronchi pallidi delle betulle o quelli grigi dei faggi, aggrappati ad un terreno scosceso che precipita verso il fondovalle.

Il gorgoglio del Rio Valgrande ci accompagna da lontano, mostrandosi appena in qualche colpo d'occhio mozzafiato, giù, dove da qualche parte si stringe nella stretta gola dove si staglia il ponte in pietra di Velina.

Si incontra un solo bivio con due frecce che indicano Buè su direzioni opposte. A destra, superando alcuni gradini artificiali di betulla, si scende verso il nucleo basso della corte, mentre proseguendo diritto si segue il percorso originale che è quello consigliato.

Occorre circa un'ora e mezza di passo tranquillo per giungere a corte Buè, una camminata adatta a tutti perchè non presenta particolari difficoltà, ma è importante munirsi di una buona scorta d'acqua, almeno un litro a testa, perchè non ne troverete di potabile lungo tutto il percorso.

La percentuale di discesa è maggiore all'andata, quindi occorre tenersi una buona dose di energia per il ritorno, quando la fatica comincerà a farsi sentire ed il profumo delle grigliate di carne del Rifugio Fantoli diventeranno un miraggio da inseguire. Corte Buè è un angolo di passato che è giunto sino a noi con lo stesso profumo di antico che aveva allora. La maggior parte delle baite è in cattive condizioni, fatto salvo per alcune di esse, adibite a rifugio dall'associazione locale, dove è possibile pranzare al sacco sul terrapieno rivolto a sud ovest.

Sulla via del ritorno abbiamo incontrato alcuni cavalli allo stato brado che si abbeveravano al ruscello.

Abel Wakaam

 

Inserisci il nome di un luogo da cercare - Elenco Rifugi - Elenco Laghi
Tutte le parole Almeno una parola Una frase